Home » Discarica Guatemala » Guatemala: prevenzione del lavoro minorile

Guatemala: prevenzione del lavoro minorile

Guatemala: prevenzione del lavoro minorile

Il progetto si svolge in una discarica della zona 3 di Città del Guatemala che ha un’estensione di 45.000 metri quadrati e riceve circa 2.000 tonnellate giornaliere di rifiuti domestici, industriali e comunali,
La discarica è fonte di guadagno all’incirca per 2500 “guajeros” (che raccolgono e classificano manualmente i rifiuti all’interno della discarica, per poterli poi rivendere), residenti in case popolari circostanti
L’inadeguato smaltimento dei rifiuti (anche tossici o speciali) ha contribuito al propagarsi di contaminazioni dirette nei confronti di tutte le persone che lavorano all’interno della discarica e di coloro che vivono nell’area circostante
I principali problemi riscontrati nella discarica possono essere suddivisi in: economici, ambientali, sociali.
Il Comune di Città del Guatemala ha emesso un’ordinanza con la quale ha regolamentato l’accesso alla discarica dei guajeros, vietando a presenza tra loro di minori di anni 18.
Sebbene l’ordinanza municipale sia stata di grande impatto, non ha eliminato il problema del trattamento di rifiuti solidi da parte di bambini ed adolescenti, che spesso riescono ad eludere i controlli. Oltre a ciò, la maggior parte dei bambini ed adolescenti ex-guajeros continuano a svolgere attività di trattamento dei rifiuti solidi nelle loro case, dando appoggio ai propri familiari guajeros.
Il progetto intende contribuire allo sradicamento ed alla prevenzione del lavoro minorile in un settore di alto rischio, com’è quello dei rifiuti solidi urbani, fornendo ai governi locali e centrali gli strumenti legali, tecnici e strategici per affrontare in maniera efficace il problema. Sono state previste attività di sensibilizzazione, organizzazione e formazione professionale dirette ai beneficiari, realizzate con la partecipazione di Università, istituzioni locali pubbliche e private.

Azioni

    • Sensibilizzazione e formazione della comunità educativa: direttori, maestri, genitori e alunni, nei confronti delle peggiori forme di lavoro infantile, tra le quali naturalmente rientra il trattamento di rifiuti.
    • Sostegno e monitoraggio della RETE INTERISTITUZIONALE, creata al fine di coordinare i servizi offerti dalle differenti istituzioni, sia pubbliche, sia private, della zona 3,  in modo da facilitare la coordinazione tra le varie istituzioni per organizzare interventi in congiunto rivolti alla popolazione della zona 3.
    • Creazione ed realizzazione di un sistema di monitoraggio, nell’ambito della RETE INTERISTITUZIONALE, volto a dare sostegno ai bambini ed agli adolescenti con specifici problemi psicologici , familiari o di salute; realizzato mediante regolari visite da parte del gruppo di promotori nelle case, negli istituti scolastici e nei luoghi di lavoro, per identificare e riferire alle istituzioni competenti della RETE i casi considerati più urgenti, al fine di prendere immediati provvedimenti fornendo attenzione psicologica, di assistenza sociale o medica, a seconda delle necessità.
    • Svolgimento di corsi di doposcuola, rivolti ai bambini delle elementari con maggiori difficoltà di apprendimento, mediante attività di insegnamento accompagnate da didattiche ludico-ricreative.

Destinatari diretti

    • 400 Bambini/e dai 2 ai 6 anni e 40 maestri/e della Scuola Materna Municipale S. Clara
    • 200 Bambini/e dai 4 ai 6 anni utilizzeranno tecnologie multimediali per l’apprendimento
    • 200 Giovani dai 14 ai 18 anni che partecipano ai corsi di informatica e di tecnologie multimediali
    • 200 Giovani dai 7 ai 13 anni delle scuole pubbliche e private del quartiere, che partecipano ai corsi di informatica e di tecnologie multimediali
    • 100 Giovani dai 14 ai 18 anni che frequenteranno corsi di formazione professionale
    • 300 giovani che potranno usufruire del centro polisportivo attrezzato
    • 50 Docenti delle scuole del quartiere per l’aggiornamento in informatica
    • 15 Giovani, dai 15 ai 25 anni, che opereranno nel centro multimediale


Contenuti simili


Trovi i contenuti di questo sito interessanti? Aiutaci a farli conoscere :)